iCub il Robot bambino dall’intelligenza hyper!

icub photoshooting _D.Farina © 2016 ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA_387_File leggeroiCub, il robot umanoide diventato famoso per essere arrivato tra i semifinalisti di Italia’s Got Talent 2016, ha davvero una iper intelligenza, sapete perché?

I suoi creatori, i ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova, hanno infatti scelto hyperMILL di OPEN MIND per produrre le delicate parti che compongono il corpo del robot e in particolari le articolazioni e gli arti di questo cucciolo umanoide alto 1,04 metri e con un peso di circa 25 kg.

Nonostante il suo aspetto così giovane, iCub è nato oltre dieci anni fa dall’ingegno di un team di ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), con caratteristiche ritenute fino ad allora impensabili per un automa, sia dal punto di vista dell’intelligenza artificiale, che per le capacità di movimento e di equilibrio, soprattutto per l’estrema flessibilità delle articolazioni.

Fin dall’inizio del progetto nel lontano 2004, gli esperti IIT hanno coinvolto OPEN MIND scegliendo il software CAM hyperMILL per la produzione dei delicati componenti interni e delle giunture, che oggi rendono iCub così famoso nel mondo.

Non dimentichiamo, infatti che, al suo stadio di sviluppo attuale, iCub è l’umanoide più completo al Mondo: ha mani di metallo, muscoli ad azionamento elettrico, due telecamere per occhi, due microfoni per orecchie, uno speaker al posto della bocca, la possibilità di comunicare con le espressioni del volto e perfino una pelle artificiale.

I suoi creatori Giorgio Metta, l’ingegnere robotico e il collega Giulio Sandini, fin dai primi modelli, lo hanno battezzato iCub ispirandosi a due illustri predecessori: la “i” viene infatti da “I robot” (“Io, robot”), la raccolta di racconti di fantascienza di Isaac Asimov e “cub” deriva dal “cucciolo d’uomo” (“mancub”) descritto da Rudyard Kipling nel Libro della Giungla.

In particolare iCub, come il personaggio di Kipling, apprende giorno per giorno come vivere in un ambiente sconosciuto, la realtà circostante, usando i suoi sensi e le sue capacità percettive.

In particolare è la mano uno degli strumenti che maggiormente aiuta iCub ad apprendere il mondo circostante; perché iCub “capisca” che cos’è un oggetto che ha di fronte, non basta che ne faccia una scansione visiva, ma bisogna che lo tocchi per valutarne forma, consistenza e utilizzo.

La complessità delle mani di iCub sono uno dei segreti che lo rendono così speciale, e OPEN MIND è particolarmente orgogliosa di aver contribuito ad aiutare gli specialisti IIT a produrre parti molto complesse, ma così vitali per lo sviluppo del cucciolo iCub.

Francesco Plizzari, Amministratore Delegato di OPEN MIND Italia, ha raccontato come la collaborazione con l’IIT di Genova sia assolutamente molto importante perché negli anni ha messo ha saputo consolidarsi grazie alla propensione all’innovazione e alla sperimentazione, sia di hyperMILL che degli esperti di ITT.

Un aspetto particolarmente interessante è valutare come i software CAM possano essere strategicamente utili anche nella creazione di piccoli particolari, come i componenti di iCub, quando invece spesso si pensa al CAM come legato a produzione di macchine e pezzi di grandi dimensioni.

Precisione e affidabilità nella produzione di dettagli da sempre rendono hyperMILL il software CAM affidabile e accurato.

La robotica è uno dei settori più sfidanti nel settore della meccanica di precisione, ma hyperMILL è lo strumento CAM flessibile e di alta precisione, capace di risolvere anche esigenze di lavorazioni molto complesse.

Per saperne di più http://www.openmind-tech.com/it/prodotti.html

Annunci

hyperMILL Tabella Colori

344x300_platte_farbtabelleConoscete l’editor tabella colori?
Grazie all’editor tabella colori, è possibile assegnare un proprio colore ad ogni categoria di elementi di produzione. Tale assegnazione di proprietà viene impiegata nel riconoscimento delle feature, semplificando l’acquisizione delle proprietà geometriche da dati esterni e aumentando la sicurezza. Un vantaggio ulteriore: poiché tutte le geometrie identiche hanno la stessa colorazione, potrete iniziare la programmazione in maniera più rapida.

hyperMILL

hyperMILL: come rendere chiari i progetti

344x300_komponenten_job_scrennshotDesiderate dare ai vostri progetti maggiore chiarezza e trasparenza?

A questo scopo potete suddividere del ciclo di lavoro in cicli composti. Tale funzione consente di suddividere e raggruppare le lavorazioni gestendo quindi una strutturazione più chiare e trasparente del progetto. In una lista di lavorazioni è possibile quindi inserire più cicli composti, nonché organizzarli in base a priorità di lavorazione, geometrie o orientamenti dell’utensile. Ciò permette di strutturare in semplicità cicli di lavorazione complessi, comprendenti molte lavorazioni. Tutte le lavorazioni raggruppate in un ciclo composto  vengono calcolate, sottoposte a simulazione e postprocessate.

hyperMILL

hyperMILL e la finitura tangenziale a 5 assi

Schermata 2016-04-07 alle 09.13.08
Vi presentiamo un breve scambio di domande e risposte sulle funzionalità di hyperMILL nelle attività di finitura.

Abbiamo parlato con  Josef Koch, CTO di OPEN MIND Technologies AG

Domanda: Perché la finitura tangenziale dei piani a 5 assi è considerata un’innovazione?
Risposta: Per oltre 20 anni si è creduto di sapere quale fosse il modo più efficiente per fresare le superfici piane. Con l’ausilio di una geometria di fresatura dell’utensile a barile conico e di una strategia ottimizzata a tale scopo, abbiamo sviluppato un nuovo procedimento con cui è stato possibile ottenere riduzioni dei tempi superiori al 90% rispetto ai metodi tradizionali.


Domanda: In cosa consiste questa innovazione?
Risposta: Le superfici piane poste in aree di difficile accesso, come ad esempio pareti di tasche, subiscono tradizionalmente una lavorazione rigata, vale a dire con una finitura a passaggi estremamente accurati e con l’ausilio di una fresa sferica. Ciò implica un tempo di lavorazione molto lungo. Persino con una lavorazione di contornatura non si ottiene quasi mai la qualità richiesta. Noi ci concentriamo sull’utensile a barile conico, con cui è possibile lavorare i piani in modo tangenziale e che garantisce incrementi elevati grazie al raggio molto ampio. Tramite un’osservazione mirata della zona di contatto, siamo in grado di ottenere superfici di elevata qualità, impossibili da produrre con la classica lavorazione di contornatura.


Domanda: Questa tecnologia si rivela facile da utilizzare?
Risposta: La programmazione è decisamente semplice e agevole. L’utente deve solamente selezionare le superfici da lavorare, quindi i percorsi utensile vengono generati in modo automatico e con un controllo collisioni completo. Siamo in grado di generare percorsi utensile a 5 assi continui oppure suddividere le superfici in modo intelligente, così da distribuirle parzialmente il percorso utensile con inclinazioni fisse..

Domanda: Quali sono i campi di applicazione?
Risposta: Con la finitura tangenziale dei piani a 5 assi è possibile lavorare tutte le superfici piane e verticali di ogni tipo in modo estremamente conveniente; le aree con accesso particolarmente difficile possono essere inoltre trattate con una finitura altamente efficiente evitando collisioni.


Domanda: Quali saranno i vantaggi per le imprese?
Risposta: Combinando queste nuove frese con l’innovativa strategia CAM, abbiamo ottenuto risparmi notevoli nei tempi di utilizzo delle macchine e migliorato la durata degli utensili. Grazie a questo, si delinea un chiaro vantaggio concorrenziale per le imprese di produzione.

Scopri di più LINK

hyperMILL e la funzione job-linking

344x300_5x_linking_bohrenAvete già lavorato con la funzione di job-linking per riuscire a ridurre sensibilmente i tempi di inattività?
Questa funzione consente di raggruppare in un’unica operazione più cicli di lavorazione che vengono eseguiti con lo stesso utensile. Il job-linking è disponibile per le lavorazioni 2D, 3D e a 5 assi, e garantisce un affondamento sicuro anche in aree a sottosquadro. Tutti i percorsi utensile vengono sottoposti ad ottimizzazione del percorso e al controllo collisioni. Poiché i movimenti di disimpegno tra le singole operazioni vengono eliminati, si ha una notevole riduzione dei tempi di inattività.

hyperMILL